Antincendio

Antincendio

A.I.B. – Anti incendio boschivo

L’Agenzia, con i suoi uomini professionalmente addestrati, è in prima linea nel fronteggiare gli incendi boschivi.

La lotta AIB inizia con la prevenzione e la messa in sicurezza delle aree boscate mediante il diserbamento delle fasce perimetrali ed interne entro il 15 giugno di ogni anno.

Sino al 15 Settembre, periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi ai sensi della Legge 353/2000, della L.R. 38/2016 e della L.R. 53/2019, l’Agenzia dispiega sul territorio presidi Aib con uomini e mezzi dedicati alla prevenzione, sorveglianza ed intervento diretto sul fuoco.

Essi sono coordinati dalla SOUP, Sala Operativa Unificata Permanente della Protezione Civile regionale che rappresenta il centro strategico di coordinamento delle operazioni delle attività AIB.

Costituita da personale regionale della Sezione Protezione Civile, operatori ARIF, Carabinieri Forestali e Vigili del Fuoco, la SOUP è strutturata presso la Sezione della Protezione Civile a Modugno (Ba), opera 24 ore al giorno.

Sono presenti anche altre due sedi della Protezione Civile, denominate SOT (Sala Operativa Territoriale), che direttamente collegate con la SOUP, sovrintendono al coordinamento degli incendi di bassa pericolosità per il territorio di Foggia, con SOT di Monte Sant’Angelo e nel territorio di Lecce, con la SOT di Campi Salentina.

A partire dalle segnalazioni fatte dai cittadini alle centrali operative dei Carabinieri Forestali 1515, dei Vigili del Fuoco 115 e di qualsiasi altro ente pubblico che riferisce alla SOUP, il gruppo di lavoro, di cui è costituita la sala, analizza la segnalazione ricevuta.

Contatta il segnalante per verificare la veridicità dell’informazione ricevuta e, contemporaneamente, si attiva mettendo in atto tutte le attività per:

  • geolocalizzare la località interessata all’evento;
  • determinare il grado di pericolosità in base alle condizioni climatiche (temperatura, umidità, direzione e intensità del vento), alla distanza dalle aree boscate;
  • attivare la squadra a terra più vicina all’evento;
  • registrare sulla piattaforma web SINAPSI tutte le informazioni riguardanti l’evento sino alla chiusura dello stesso.

L’ARIF è presente sul territorio con n. 68 presidi AIB, 120 vedette, 522 operai addestrati e 80 automezzi dotati di modulo TSK, con cisterna da 400 litri.


La dislocazione dei presidi AIB:

Ultimo aggiornamento

29 Dicembre 2021, 13:25